lunedì 10 aprile 2017

Pocket Sun Cosmetics Milano: bocciato

Mi sento oggi di recensire un prodotto di cui se leggete in rete trovate solo descrizioni entusiastiche, urlate in ogni commento della (sola) pagina FB della Casa produttrice.
Non è un prodotto ecobio, ma non contiene nemmeno ingredienti nocivi o siliconi e petrolati.

Si tratta dell'autoabbronzante più popolare del momento, il POCKET SUN della Cosmetics Milano, presentato come innovativo, l'unico che dia una abbronzatura color nocciola (dunque il più simile a quella naturale, evitando il tipico color aranciato di tutti gli autoabbronzanti).

Premessa doverosa: perchè prendere in considerazione l'autoabbronzante?
Per molti motivi: ci troviamo a scoprirci, causa temperature improvvisamente elevate, e abbiamo il colore di un cadavere ripescato dopo giorni di ammollo nel fiume; perchè semplicemente anche in inverno ci piacciamo un po' più colorite; perchè l'esposizione al sole invecchia la pelle, provoca macchie di accumuli melaninici e rischi per la salute (cancro), rischi questi ultimi molto più elevati con l'utilizzo delle lampade abbronzanti.
Insomma, qualche volta si vuole legittimamente provare a regalarci in pochissimo tempo un velo di abbronzatura in maniera sana: e gli autoabbronzanti sani lo sono, in quanto la colorazione deriva da una reazione meramente superficiale di un derivato dalla canna da zucchero, il diidrossiacetone, o DHA, che reagisce con le cellule più superficiali della nostra pelle.

E fin qui....
Bene: insomma, sentendo tutte le lodi, venerdì 7.4.2017 acquisto entrambe le referenze Cosmetics Milano, appunto il Pocket Sun, viso e corpo: il primo uno spray che consente una nebulizzazione finissima, e il secondo una mousse corpo.
Costo: € 30,00 cadauno, per un totale di 60 €, che dovrebbero garantire almeno 30 applicazioni.
Ragionevole, mi dico.
Prima precisazione: il componente attivo, il diidrossiacetone appunto, non è un brevetto della casa, ma il più comune ingrediente autoabbronzante di ogni prodotto del genere sul mercato, incluse le molte referenze ecobio che ormai il mercato offre.
Il resto, come si può vedere dall'INCI, è contorno.





Bene: seguo pedissequamente le istruzioni (utilizzare il prodotto la sera, dopo doccia e scrub, avendo cura quanto al prodotto corpo di distribuire molto uniformemente su tutta la superficie trattata e, quanto allo spray viso, nebulizzare a distanza di 30 cm, asciugare un po' col phon e poi evitare per entrambi il contatto con l'acqua nelle 4 ore successive).

Al mattino, il responso:

- abbronzatura arancione come con ogni autoabbronzante provato in vita mia (da quelli del supermercato da pochi euro, a quelli di alta profumeria come Dior, Lancome, Helena Rubinstein, Clinique ecc). Non c'è verso: il colore sempre sull'aranciato viene.
- pelle molto secca, probabilmente dovuto alla formulazione. A questo punto, meglio usare i prodotti in crema che se non altro per il supporto in cui è disperso il principio attivo, idratano la pelle.
- colore comunque poco intenso anche con 3 applicazioni di fila (tentate nelle ore successive)

In definitiva, un effetto estremamente innaturale, come con tutti gli altri autoabbronzanti. E come quelli provati in precedenza, anche questo finirà nella spazzatura intero. 60 € buttati.

PS: essendomi permessa di recensire sulla pagina FB della Cosmetics Milano, in maniera estremamente sobria e moderata, che appunto non mi ero trovata bene e che per me il prodotto era identico a tutti gli altri in commercio, mi sono trovata dopo pochi minuti eliminato il commento e bloccata. Per carità, va benissimo: ma forse allora mi spiego come mai solo commenti entusiastici. E ribadisco e preciso che mi ero espressa con modi assolutamente low profile e rispettosi.
Voto finale: 4/5

giovedì 30 marzo 2017

Sezione Aurea: proprio no.

Veloce recensione circa due prodotti acquistati qualche tempo fa su Bio Eco Shop (ottimo e-commerce). Si tratta dei prodotti Sezione Aurea Cosmetics, e più precisamente Cristina, Maschera Divina per capelli, € 14,16 per 250 ml,  e lo shampoo Lara Shampoo Divino € 11,31 per 200 ml.
La linea è dedicata ai capelli secchi e sfruttati, quali i miei, e ho dunque voluto provare acquistando queste due referenze. 

La Maschera Cristina, che è prevista per un uso sia pre shampoo che come balsamo, vorrebbe essere un impacco di bellezza per capelli secchi e sfibrati. In effetti, dall'Inci mi ero accorta che non c'era nessuno dei condizionanti che ho sperimentato essere efficaci (in formula c'è l'esterquat), ma leggendo tali e tante meraviglie in rete su questa linea di prodotti mi sono fatta tentare e ho provato.
Inci: Aqua, Distearoyethyl dimonium chloride, Cetearyl alcohol, Glycerin, Theobroma cacao seed butter*, Butyrospermum parkii butter*, Linum usatissimum oil*, Simmondsia chinensis seed oil (jojoba)*, Panthenol, Hydroxyethylcellulose, Melissa officinalis extract*, Rosmarinus officinalis extract*, Lactic acid, Parfum, Tetrasodium glutamate diacetate, Citric acid, Hydrolized keratin powder**, Potassium sorbate, Sodium benzoate, Benzoic acid.
*da agricoltura biologica
**vegetale


lo Shampo Lara conta su cheratina vegetale ed olio di lino, e promette effetto anticrespo e lucidante.
Inci: Inci: Aqua, Disodium cocoamphodiacetate, Cocamidopropylbetaine, Sodium cocoyl isethionate, Glycerin, Sodium chloride, Linum Usatissimum Oil*, Xantan gum, Hydrolized keratin powder**, Lactic acid, Parfum (ipo), Potassium sorbate, Sodium benzoate, Benzyl alcohol.


Se lo shampo l'ho trovato accettabile, ma certo senza i promessi effetti anticrespo e lucidanti (l'ho terminato oggi, ma a fatica ed alternandolo con altri prodotti), bocciatura secca e senza appello per la maschera capillare, che ho proprio gettato intera dopo due o tre tentativi di utilizzo, che mi hanno lasciato una covone di fieno  devastato in testa. 
Da rilavare immediatamente o legare la chioma. Non districa assolutamente, ma poi nemmeno ammorbidisce nè lascia i capelli lucidi, condizionati o corposi. Consistenza dura, pastosa, incomprensibile, addirittura difficile da distribuire. Un prodotto veramente pessimo, per quanto mi riguarda. Inutile dire che vista la brutta esperienza, non ricomprerò più nulla di questo marchio.

Voto:  5/6 per lo shampoo, 3 per la maschera.