Etichette

accessori-strumenti trucco Alkemilla Alkemilla maschera ristrutturante fragola e panna Antipodes Antos autoabbronzanti Balsamo arancio limone Alkemilla Balsamo Moringa e Girasole La Saponaria Balsamo Moringa e Lino La Saponaria Bare Minerals Bareminerals Bareskin Beautylicious Delights benecos Bio Bio Baby Biofficina Toscana Bioturm blush Brightening AHA Peel Mask Madara bronzer capelli Cattier Cellular Repair Serum Madara Chanel cipria Complexion Rescue contorno occhi corpo Couleur Caramel crema colorata Crema gemre di grano Fitocose cura della pelle Dr Bronner's; Burt's Bees Dr Haushka Eye Contour Cream Madara eye liner Fitocose Fluido antiage vit C Fitocose fondotinta Gel Bonne Mine Velours gel doccia Green Energy Organics hair care Hevea Jalus C10 Khadi La Saponaria Latte detergente mandorle Fitocose Lavera Le Volume Noir Lepo Liquidflora lozione corpo Madara Madara Cleansing Milk make u make up make up viso mascara Mater Natura Maternatura MUFE multicolor Nabla Nabla Blossom Blush Beloved Nabla Shade&Glow Saint Tropez Neve Neve Cosmetics Neve Flat Perfection Velvet Matte Neve Vernissage occhi Oleus siero ristrutturante Fitocose ombretto pelle secca Phitofilos Balsamo Gocce D'Oro Phitofilos Shampoo Gocce di seta Phyto Phytoelixir crema lavante capelli ultra secchi Phytokeratine Extreme; Phytojoba Maschera Luminosità alta idratazione Purobio Purobio; fondotinta Regenerating Night Cream Madara rossetti Sante shampoo siero skin care So Bio Etic So' Bio Etic solari TheAllNaturalFace Ultimate Face Lift Madara Vegale

lunedì 26 giugno 2017

estate: voglia di bronzer! Lavera Bronzing duo e Benecos Fresh Bronzing Duo





Complice il caldo, e la voglia di ridurre al minimo il make up, ma senza rinunciare ad un minimo di colore,  ho acquistato qualche tempo fa da Ecco-Verde due referenze di bronzer, di cui avevo letto buone recensioni da Paola di Laboratoriodellefate. Siccome mi trovo pressochè sempre in sintonia con lei, mi sono fiondata a comprarli.


Si tratta di:

-  Lavera Mineral Sun Glow Powder, nella nuance Sunset Kiss 02, € 9,99 per 9 gr
  


Inci:
 Ingredients (CTFA/INCI): Magnesium Stearate, Simmondsia Chinensis (Jojoba) Seed Oil*, Silica, Tricaprylin, Argania Spinosa Kernel Oil*, Butyrospermum Parkii (Shea Butter)*, Cocos Nucifera (Coconut) Seed Oil*, Theobroma Cacao (Cocoa) Seed Oil*, Hippophae Rhamnoides Fruit Extract*, Olea Europaea (Olive) Fruit Oil*, Glycyrrhiza Glabra (Licorice) Root Extract*, Rosa Centifolia Flower Extract*, Malva Sylvestris (Mallow) Flower Extract*, Tilia Cordata Flower Extract*, Hydrogenated Lecithin, Camelina Sativa Seed Oil, Vegetable Oil (Olus Oil), Tocopherol, Helianthus Annuus (Sunflower) Seed Oil, Ascorbyl PalmitateAlcohol*, Water (Aqua), Fragrance (Parfum)**, Limonene**, Geraniol**, Linalool**, Citronellol**, Citral**, Benzyl Benzoate**, [+/- Mica (CI 77019), Iron Oxide (CI 77491), Iron Oxide (CI 77492), Iron Oxide (CI 77499), Titanium Dioxide (CI 77891), Bismuth Oxychloride (CI 77163)]
* ingredients from certified organic agriculture
** natural essential oils

e
 - Benecos Fresh Bronzing Duo nella variante California Nights, € 4,99



Inci:
Ingredients (INCI):
Ibiza Nights: Talc, Mica, Magnesium Stearate, Caprylic/capric TriglycerideMacadamia Ternifolia Seed Oil, Ricinus Communis Seed Oil*, Kaolin, P-Anisic Acid, Tocopherol, Glyceryl Caprylate, Helianthus Annuus Seed Oil, Tin Oxide, Ci 77891 (Titanium Dioxide), Ci 77499 (Iron Oxides), Ci 77742 (Manganese Violet), Ci 77491(Iron Oxides), Ci 77492 (Iron Oxides)
California Nights: Talc, Mica, Caprylic/capric Triglyceride, Magnesium Stearate, Macadamia Integrifolia/tetraphylla Seed Oil, Ricinus Communis Seed Oil*, Kaolin, P-Anisic Acid, Tocopherol, Tin Oxide, Glyceryl Caprylate, Maltodextrin, Helianthus Annuus Seed Oil, [+/- (May Contain) Ci 77891 (Titanium Dioxide), Ci 77491 (Iron Oxides), Ci 77499 (Iron Oxides), Ci 75470 (Carmine), Ci 77492 (Iron Oxides), Ci 77007 (Ultramarines)]
* organic


Il costo è assolutamente contenuto, e possiedo già altri prodotti delle due case, per cui sono andata sul sicuro. Il Benecos in particolare mi serviva per portarmelo in viaggio (è piccolo e se per caso lo rovinassi, non sfuma un capitale...). Inoltre presenta due colori, consentendo di usarlo, volendo, anche come blush.

Personalmente li applico col Powder Brush di Real Techniques, che è sufficientemente ampio e morbido da prelevare poco prodotto e distribuirlo senza concentrarlo in un solo punto.


L'utilizzo che preferisco, per questi prodotti, è una via di mezzo tra il bronzer ed il contouring, poichè amo gli effetti discreti.

Entrambe le nuance che ho scelto sono calde: io ho la pelle media, con sottotono tra il dorato e l'olivastro, per cui mi stanno bene solo queste tonalità, mentre non mi piacciono affatto i bronzer freddi che tante amano, ma che mi rendono immediatamente grigiastra (ad es quelli di Puro Bio, li ho regalati subito: pessimi, su di me. Non per la qualità sia chiaro, ma per la tonalità, che non mi si addice).
Comunque l'effetto non è, assolutamente, rossiccio: replica semplicemente il colore dell'abbronzatura naturale che raggiungo io, che è sul dorato. E' estremamente naturale.
Inoltre faccio presente che anche portati a pelle, non la lucidano nonostante la presenza di olii (molto più elevata in quello di Lavera, che paradossalmente però mantiene molto bene l'effetto vellutato-mat col passare delle ore).






Cosa ne penso:
Entrambi questi prodotti a mio giudizio sono veramente validi. 
Sono molto scriventi, un po' di più quello di Lavera ma anche quello di Benecos non è affatto male.
Il primo ha inoltre un delicatissimo profumo fruttato, che mi piace un sacco, ed ha una texture quasi "cremosa": non lo è, in realtà, ma gli olii presenti in formula (jojoba, argan, karitè, cocco e oliva) lo rendono quasi fondente, piacevolissimo nell'applicazione e idratante. In formula, quanto al Lavera, segnalo anche l'estratto di liquirizia, che è lenitivo (e a me che ho un po' di couperose e comunque pelle molto sensibile, fa comodo).
Nessuno dei due bronzer è polveroso, altra caratteristica che apprezzo molto, e soprattutto quello di Lavera ha una tenuta notevolissima.
In definitiva, due ottimi prodotti!
Voto: 
9 per Lavera e 8 per Benecos


giovedì 22 giugno 2017

strategie anticaldo - Dr Bronner's lozione idratante corpo alla menta e Burt's Bees gel doccia menta e rosmarino

Non ve ne ho mai parlato, ma è la seconda estate che utilizzo con grande piacere una combo ideale per me che mi alleno molto, ma in generale adattissima al gran caldo e molto piacevole.
Sto parlando di due prodotti acquistati da Ecco-Verde, e-commerce che è sempre  il primo posto in cui curioso perchè ha veramente una scelta estremamente ampia: il Gel doccia di Burt's Bees alla menta e rosmarino qui (350 ml per 14,99 €), e la Lozione idratante corpo Dr. Bronner's alla menta, qui (240 ml per € 14,99).

  



Gli inci sono ecobio, ve li lascio qui sotto:

Gel doccia Burt's Bees:

(INCI): water, decyl glucoside, lauryl glucoside, sucrose laurate, coco-betainebetaine, coco-glucoside, sodium cocoyl hydrolyzed soy protein, glyceryl oleate, mentha piperita (peppermint) oil, rosemarinus officinalis (rosemary) leaf extract, achillea millefolium (yarrow) extract, chamomilla recutita (matricaria) flower extract, cymbopogon schoenanthus (lemongrass) extract, humulus lupulus (hops) extract, melissa officinalis (balm mint) extract, glycerin, hydroxypropyltrimonium honey, natural fragrance, glucose, sodium chloride, citric acid, glucose oxidase, lactoperoxidase


Lozione corpo Dr Bronner's:

(INCI): Aqua, Organic Cocos Nucifera (Coconut) Oil*, Organic Simmondsia Chinensis (Jojoba) Seed Oil, Organic Ethyl Alcohol*, Organic Persea Gratissima (Avocado) Oil*, Organic Cannabis Sativa (Hemp) Seed Oil, Organic Quillaja Saponaria Extract, Organic Mentha Piperita (Peppermint) Oil, Xanthan Gum, Tocopherol, Limonene◊

Il primo è un gel doccia di colore giallo oro, piuttosto viscoso, che a contatto con l'acqua si trasforma in una schiuma estremamente delicata, che lava senza aggredire la pelle (e io ho la pelle estremamente secca).
Si sente molto l'o.e. di menta piperita, decisamente rinfrescante, e quello di rosmarino che come noto ha una funzione tonificante sulla circolazione.
Il profumo che resta in bagno dopo l'utilizzo è veramente delizioso, da SPA.
Ne basta poco, e la confezione dura veramente molto.

La lozione corpo invece, che adoro già solo per l'estetica, è molto idratante ma leggera (non unge assolutamente e non appiccica, cosa che in estate col caldo non tollererei). Si percepisce un leggero sentore di menta, delicato e discreto, che rinforza la sensazione di freschezza iniziata dal gel doccia ma non interferisce, per chi volesse, con l'uso di un eventuale profumo in seguito. Insomma, è un sentore estremamente lieve, però sulla pelle la sensazione è molto fresca e piacevole.

Posso dirvi che dopo i miei intensi e lunghi allenamenti, questa combinazione è estremamente gradevole e funzionale. Per cui, se cercate qualcosa di fresco, tonificante, e che aiuti a contrastare il gran caldo di questi giorni, questi prodottini meritano senz'altro una prova.
Voto: 8

lunedì 12 giugno 2017

Antos Shampoo per capelli secchi: amore!!

A volte, e molto spesso nel vasto mondo dell'ecobio (almeno questa è la mia esperienza) non serve spendere molto per avere un prodotto eccellente.
E' il caso dello shampoo Capelli Secchi di Antos, che ho già acquistato due volte da Bioeco-sop (qui) al prezzo di 4 € per 200 ml.


E' un prodotto specifico per capelli secchi, aridi e trattati, e punta su ginseng, miele e rosmarino.
Ora, il mio problema è che ho capelli fini, trattati, secchi e crespi. Un disastro insomma, Ed oltretutto li devo lavare di continuo pochè pratico molto sport. Quindi sono sempre alla ricerca di un prodotto che consenta una detergenza delicata, che non sgrassi eccessivamente (se non facessi sport e non sudassi, i miei capelli resterebbero puliti anche 8 giorni, fate voi...).

Giudizio:
Questo shampoo è uno dei migliori tra i tantissimi che ho provato dacchè, diversi anni fa ormai, ho scelto di orientarmi verso l'ecobio.
La ditta produttrice, Antos, è ormai nota: produce  ecobio sulle colline del Monferrato, in Pianura Padana, secondo una filosofia di efficacia e semplicità (zero fronzoli insomma, e si bada al sodo) che personalmente apprezzo molto, non amando chi tenta di prendermi per il naso con nomi roboanti e poetici conferiti all'acqua fresca...
Altrettanto dicasi per il packaging essenziale e quasi spartano, sia pure con un tocco vagamente retro' che a me pure piace.
In ogni caso i suoi prodotti sono approvati o certificati Ecocert, e le materie prime che utilizza provengono tutte da coltivazione biologica.

qui l'inci, che già mi aveva convinta anche solo per la estrema brevità (è sempre un buon segno, per quanto mi riguarda):

INCI:
aqua, zinc coco-sulfate*, lauramidopropyl betaine*, sodium lauroyl glutamate*, disodium capryloyl glutamate*, mel*, caprylic-capric triglyceride*, panax ginseng extract**, rosmarinus off. extract**, lactic acid, sodium levulinate, sodium anisate, tocopherol*, rosmarinus off. ess. oil*, limonene, linalool.


Oltre a ciò, a parte il connubio che determina la specifica base lavante, molto delicata, si nota subito la percentuale elevata di miele e di estratto di ginseng, il primo ad azione idratante ed il secondo ad azione rinforzante-sostantivante e stimolante della crescita. Ma anche l'o.e. di rosmarino ha un  suo perchè, in quanto promuove la circolazione sanguigna. Cosa che a livello di cuoio capelluto e capelli, fa sempre bene.

La consistenza è quella di un gel liquido, ne basta poco e a mio avviso va assolutamente diluito (calcolate che io uso la quantità equivalente ad un cucchiaino da caffè in mezzo bicchiere d'acqua). Si crea una bella schiuma molto soffice, tipo mousse, che avvolge in un sentore di rosmarino molto gradevole e rinfrescante (ma che sparisce subito dopo l'asciugatura). E la sensazione, mentre lo si massaggia sulla cute, è che rimanga come vagamente gelatinoso, mucillaginoso. Ma non in maniera fastidiosa, anzi: solo che non si avverte quel brutto effetto di pulizia tipo detersivo dei piatti, non so se capite cosa intendo.
Il risciacquo è facilissimo, e i capelli restano ben idratati, sebbene nel mio caso sia necessario comunque farlo seguire da un balsamo o crema.

La cosa che ho notato in questi mesi da quando lo uso (e non solo io, anche la parrucchiera) è che mi sono nati tutta una serie di capelli nuovi, che tendono a starmi sparati in testa! Non mi era mai successo prima, ma la coincidenza temporale parla chiaro: è da quando uso questo shampoo. E la spiegazione che mi sono data è che questo sia l'effetto dell'utilizzo costante dell'olio essenziale di rosmarino + il ginseng contenuto nella formula: piacevolissimo effetto collaterale per quanti di noi non hanno una gran massa di capelli!
In definitiva, un prodotto ottimo dall'ottimo rapporto qualità/prezzo, e che certamente continuerò a ricomprare.

Voto: 9

giovedì 1 giugno 2017

Couleur Caramel Gel Bonne Mine Velours: non per pelli secche!! peccato...





Nella ricerca del prodotto che ci salvi le giornate e ci assicuri di essere sempre in ordine dopo molte ore anche con le elevate temperature che si prospettano, ho voluto dare una seconda chance ad un prodotto Couleur Caramel che costituisce sostanzialmente evoluzione in chiave colorata dei suoi primer, coi quali non mi ero affatto trovata bene .
Questo prodotto, di cui si parla parecchio in rete, promette una grande tenuta anche col caldo umido, contrastando la lucidità.
Ora, io ho la pelle secca, ma col caldo sudo molto in viso, e notoriamente in estate le esigenze della pelle cambiano: si preferiscono textures più leggere, e anche lo skin care si orienta normalmente verso prodotti più leggeri; si ha bisogno di meno, insomma.
Avevo quindi pensato che questo genere di prodotto potesse andare bene anche a me.
Ho così acquistato per € 29,95 per 30 ml, presso una fornitissima bioprofumeria di Pordenone (qui, per chi fosse interessato) il Gel Bonne Mine Velours nella colorazione 62- quella media - di Couleur Caramel.
INCI:
Silica -coco caprylate/ caprate, dicaprylyl ether, Helianthus annuus seed oil, Sesamum indicum seed oil*, cera alba*, trihydroxystearin, Simmondsia chinensis seed oil*, Ricinus communis oil, Prunus armeniaca kernel oil*, Butyrospermum parkii butter*, tocopherol, polyhydroxystearic acid, parfum (fragrance), d-limonene, linalool, citral-geraniol; 
PAO: 18 mesi.

Nell'inci si notano innanzitutto la alta percentuale di silica, ad effetto matificante, e l'olio di jojoba, che a me piace molto ed è adatto ad apportare idratazione senza risultare pesante.

Il colore n. 62, adatto ad una pelle media non abbronzata, e' perfetto e si fonde molto bene con l'incarnato, mentre si presta ad essere scaldato con un bronzer.
  
 

Già alla stesura, che si può fare con le dita o con un pennello (io prediligo quelli a sezione piatta o bombata, nello specifico uso il round kabuki di Sigma per intenderci) si percepisce la texture molto asciutta e cipriata del prodotto, che è come "duro", molto denso.
E per quanto riguarda la tenuta anti lucidità per molte ore, il prodotto mantiene senz'altro la promessa.

Il guaio è che non va affatto bene per la mia pelle secca, anche preventivamente scrubbata e ben idratata con siero + crema.
Evidenzia infatti in maniera impietosa i segnetti di disidratazione, mentre risulta fastidioso addosso perchè tira e sembra prosciughi l'umidità della pelle.
Insomma, sicuramente un buon prodotto ma assolutamente sconsigliato alle pelli secche o disidratate. Invece immagino ci si troveranno molto bene pelli giovani e/o grasse o miste.
Peccato per l'acquisto sbagliato...

lunedì 10 aprile 2017

Pocket Sun Cosmetics Milano: bocciato

Mi sento oggi di recensire un prodotto di cui se leggete in rete trovate solo descrizioni entusiastiche, urlate in ogni commento della (sola) pagina FB della Casa produttrice.
Non è un prodotto ecobio, ma non contiene nemmeno ingredienti nocivi o siliconi e petrolati.

Si tratta dell'autoabbronzante più popolare del momento, il POCKET SUN della Cosmetics Milano, presentato come innovativo, l'unico che dia una abbronzatura color nocciola (dunque il più simile a quella naturale, evitando il tipico color aranciato di tutti gli autoabbronzanti).

Premessa doverosa: perchè prendere in considerazione l'autoabbronzante?
Per molti motivi: ci troviamo a scoprirci, causa temperature improvvisamente elevate, e abbiamo il colore di un cadavere ripescato dopo giorni di ammollo nel fiume; perchè semplicemente anche in inverno ci piacciamo un po' più colorite; perchè l'esposizione al sole invecchia la pelle, provoca macchie di accumuli melaninici e rischi per la salute (cancro), rischi questi ultimi molto più elevati con l'utilizzo delle lampade abbronzanti.
Insomma, qualche volta si vuole legittimamente provare a regalarci in pochissimo tempo un velo di abbronzatura in maniera sana: e gli autoabbronzanti sani lo sono, in quanto la colorazione deriva da una reazione meramente superficiale di un derivato dalla canna da zucchero, il diidrossiacetone, o DHA, che reagisce con le cellule più superficiali della nostra pelle.

E fin qui....
Bene: insomma, sentendo tutte le lodi, venerdì 7.4.2017 acquisto entrambe le referenze Cosmetics Milano, appunto il Pocket Sun, viso e corpo: il primo uno spray che consente una nebulizzazione finissima, e il secondo una mousse corpo.
Costo: € 30,00 cadauno, per un totale di 60 €, che dovrebbero garantire almeno 30 applicazioni.
Ragionevole, mi dico.
Prima precisazione: il componente attivo, il diidrossiacetone appunto, non è un brevetto della casa, ma il più comune ingrediente autoabbronzante di ogni prodotto del genere sul mercato, incluse le molte referenze ecobio che ormai il mercato offre.
Il resto, come si può vedere dall'INCI, è contorno.





Bene: seguo pedissequamente le istruzioni (utilizzare il prodotto la sera, dopo doccia e scrub, avendo cura quanto al prodotto corpo di distribuire molto uniformemente su tutta la superficie trattata e, quanto allo spray viso, nebulizzare a distanza di 30 cm, asciugare un po' col phon e poi evitare per entrambi il contatto con l'acqua nelle 4 ore successive).

Al mattino, il responso:

- abbronzatura arancione come con ogni autoabbronzante provato in vita mia (da quelli del supermercato da pochi euro, a quelli di alta profumeria come Dior, Lancome, Helena Rubinstein, Clinique ecc). Non c'è verso: il colore sempre sull'aranciato viene.
- pelle molto secca, probabilmente dovuto alla formulazione. A questo punto, meglio usare i prodotti in crema che se non altro per il supporto in cui è disperso il principio attivo, idratano la pelle.
- colore comunque poco intenso anche con 3 applicazioni di fila (tentate nelle ore successive)

In definitiva, un effetto estremamente innaturale, come con tutti gli altri autoabbronzanti. E come quelli provati in precedenza, anche questo finirà nella spazzatura intero. 60 € buttati.

PS: essendomi permessa di recensire sulla pagina FB della Cosmetics Milano, in maniera estremamente sobria e moderata, che appunto non mi ero trovata bene e che per me il prodotto era identico a tutti gli altri in commercio, mi sono trovata dopo pochi minuti eliminato il commento e bloccata. Per carità, va benissimo: ma forse allora mi spiego come mai solo commenti entusiastici. E ribadisco e preciso che mi ero espressa con modi assolutamente low profile e rispettosi.
Voto finale: 4/5

giovedì 30 marzo 2017

Sezione Aurea: proprio no.

Veloce recensione circa due prodotti acquistati qualche tempo fa su Bio Eco Shop (ottimo e-commerce). Si tratta dei prodotti Sezione Aurea Cosmetics, e più precisamente Cristina, Maschera Divina per capelli, € 14,16 per 250 ml,  e lo shampoo Lara Shampoo Divino € 11,31 per 200 ml.
La linea è dedicata ai capelli secchi e sfruttati, quali i miei, e ho dunque voluto provare acquistando queste due referenze. 

La Maschera Cristina, che è prevista per un uso sia pre shampoo che come balsamo, vorrebbe essere un impacco di bellezza per capelli secchi e sfibrati. In effetti, dall'Inci mi ero accorta che non c'era nessuno dei condizionanti che ho sperimentato essere efficaci (in formula c'è l'esterquat), ma leggendo tali e tante meraviglie in rete su questa linea di prodotti mi sono fatta tentare e ho provato.
Inci: Aqua, Distearoyethyl dimonium chloride, Cetearyl alcohol, Glycerin, Theobroma cacao seed butter*, Butyrospermum parkii butter*, Linum usatissimum oil*, Simmondsia chinensis seed oil (jojoba)*, Panthenol, Hydroxyethylcellulose, Melissa officinalis extract*, Rosmarinus officinalis extract*, Lactic acid, Parfum, Tetrasodium glutamate diacetate, Citric acid, Hydrolized keratin powder**, Potassium sorbate, Sodium benzoate, Benzoic acid.
*da agricoltura biologica
**vegetale


lo Shampo Lara conta su cheratina vegetale ed olio di lino, e promette effetto anticrespo e lucidante.
Inci: Inci: Aqua, Disodium cocoamphodiacetate, Cocamidopropylbetaine, Sodium cocoyl isethionate, Glycerin, Sodium chloride, Linum Usatissimum Oil*, Xantan gum, Hydrolized keratin powder**, Lactic acid, Parfum (ipo), Potassium sorbate, Sodium benzoate, Benzyl alcohol.


Se lo shampo l'ho trovato accettabile, ma certo senza i promessi effetti anticrespo e lucidanti (l'ho terminato oggi, ma a fatica ed alternandolo con altri prodotti), bocciatura secca e senza appello per la maschera capillare, che ho proprio gettato intera dopo due o tre tentativi di utilizzo, che mi hanno lasciato una covone di fieno  devastato in testa. 
Da rilavare immediatamente o legare la chioma. Non districa assolutamente, ma poi nemmeno ammorbidisce nè lascia i capelli lucidi, condizionati o corposi. Consistenza dura, pastosa, incomprensibile, addirittura difficile da distribuire. Un prodotto veramente pessimo, per quanto mi riguarda. Inutile dire che vista la brutta esperienza, non ricomprerò più nulla di questo marchio.

Voto:  5/6 per lo shampoo, 3 per la maschera.

venerdì 25 novembre 2016

Skin care Fitocose per pelli secche: finalmente quella giusta per me!



Sono molto soddisfatta di poter dire che, dopo diversi anni di ricerche più o meno infruttuose, testando l'impossibile nell'ecobio, anche prodotti molto costosi, ho finalmente trovato la routine di skin care che fa per la mia pelle secca, disidratata, sensibilissima e tendente alla couperose.
Il tutto è a firma Fitocose, della qual casa ho provato molte referenze negli anni, tutte anche buone, ma nessuna risolutiva: ora invece ci siamo.
(Tra l'altro, sono diventati molto veloci con le spedizioni, tipo che in 5 giorni avevo tutto).
Nel caso qualcuna si riconosca nel mio tipo di pelle, lascio dunque la mia testimonianza sperando possa essere utile:

detergenza: 
- Latte detergente alle mandorle, 150 ml, € 6,50 PAO 4 mesi



Una cremina fluida ma non troppo, priva di odore e profumi, che elimina dolcemente ma perfettamente tutto il make up (anche quello non ecobio come mascara tradizionali molto strong).
Lascia la pelle perfettamente detersa ma idratata. L'unico appunto che posso fare rispetto a  questo latte detergente, che assieme a quello all'Azulene è il mio preferito di Fitocose, è che fino a qualche tempo fa era più denso, più cremoso, il che mi piaceva di più utilizzandolo io direttamente con le mani. Ma si riesce ad usarlo benissimo anche così.

routine giorno:
- fluido antiage alla vit C, 30 ml per € 15,10. PAO 4 mesi


  

Una cremina fluida, molto umettante (non saprei davvero come altro descrivere la texture), dal sentore leggermente erbaceo ma molto lieve. Idrata a fondo ed elimina da subito la sensazione di secchezze e tiraggio. Assorbe molto bene, e nutre più di un siero o gel acquoso.

- Crema al germe di grano: 50 ml per € 12,90. PAO 4 mesi

Una texture corposa seppure sufficientemente fluida da non risultare di difficile stesura. Adatta a pelli decisamente secche o per il grande freddo. Odore quasi impercettibile, no profumo. La pelle la assorbe bene, non resta lucida e però è ben nutrita e protetta. Conta tra l'altro sul germe di grano, squalano, burro di karitè, sodium PCA (forte idratante), ceramidi, vitamina E e jaluronato sodico. Nel mio caso, ne sono certa, la differenza l'ha fatta lei. 

routine notte:
- Oleus siero ristrutturante: 30 ml per € 15,10, PAO 4 mesi

Un olietto leggero, combinazione di olio di rosa rubiginosa, squalano, olio di enotera, olio di borragine, Vit A palmitata e vit E. Si assorbe meravigliosamente, senza risultare untuoso (lo so, sembra assurdo parlando di olio, ma fidatevi) e niente, anche usandolo da solo la pelle al mattino è più turgida, l'incarnato più omogeneo, insomma più bella. Non so cosa garantisca questo effetto, ma lo fa. E nessun olio, o nessuna combinazione di olii usata in passato, mi ha mai dato risultati simili (per non parlare della sensazione di benessere appena lo si applica...) Grana della pelle liscissima e compatta.

Impressioni:
Dunque, da qualche settimana sto utilizzando in combo i prodotti che vi ho descritto, e mi sto trovando divinamente (chi mi segue, sa che è molto, molto difficile che io dia un giudizio anche solo positivo su un prodotto: qui è decisamente entusiastico!). Probabilmente ho  azzeccato quello che serviva ad una pelle molto bisognosa come la mia, perchè gente, me l'ha letteralmente cambiata! Le irregolarità della superficie, le lineette da disidratazione, le pellicine: tutto sparito! Praticamente, mentre fino a qualche settimana fa ero disperata perchè per quanta crema ci mettessi, la pelle era sempre secca, tirata, segnata, ed arrossata, ora è compatta, luminosa, liscia, al punto che non sento nemmeno la necessità di applicare fondotinta: mi piace guardarla così come è. Vedo inoltre che regge molto meglio sbalzi e irritazioni da agenti esterni (freddo, aria, sudore) senza arrabbiarsi ed arrossarsi.
Sul PAO molto breve di Fitocose, preciso che per esperienza in realtà la durata dei prodotti è molto, molto superiore, di diversi mesi. Questo sia perchè proprio tecnicamente basta sincerarsi che il prodotto non sia alterato nella consistenza e nell'odore, e si può continuare ad usarlo tranquillamente, sia perchè io stessa l'ho verificato molte volte coi loro prodotti, perciò non vi freni il Pao solo pruduenzialmente così breve.
Quindi, se vi riconoscete in questo tipo di pelle, prendete serenamente in considerazione questi prodotti perchè a mio avviso valgono.

Voto: 9